twitter news

Posted on May 5, 2014 .

A really human resource

 

When we pronounce the word “company” the common image is the one of a group of employees well-dressed among desks perfectly aligned.

Not all know that many companies have made of “team building” a value added.

Team building means, in the field of human resources, a series of activities finalized to the training of a group and the meaning of training, in this case, is ambivalent, on one side it implies cultural training of a group, on the other side it means the aggregation of people that with these experiences have the sensation to belong to a team and to a brand.

In this way an employee, fundamental resource inside the company, become a human resource literally, through experiences that help him in his social and personal inside the company.

Inside the are included “Dmc” that are “destination management companies”, some agencies that take care of travel organization for private or business tourism that become experiences in which the exchange and the interaction are the centre.

Here i show a company values its employees, in this way I realize the corporate social responsibility, joining the ethical concerns with the strategic vision, because doing business is synonym of union and because resources have to be really human.

 

Posted on February 21, 2014 .

The angels of travel

 

If it’s true that “persons doesn’t make travel but are travels which make persons”, so what about persons who make trvels or other persons?

No, it is not a riddle create to confuse you, it is simply about organized travels, sometimes brief tours or cultural exchanges, art tours are more and more in vogue, they are trips in art cities with a cultural purpose.

The idea is to not go crazy in front of a pc to plan its travel but to sit down on the sofa, make a call or send a simple a-mail and adhere to the tours that agencies, public companies organize skillfully.

This approach revealed perfect for those who don’t have intention to spend their energies on the organization but want to keep them for travel, but it’s also ideal for old persons who don’t have the instruments to organize at best.

So travel is no more something that few persons can do but it becomes the best way for anybody to know and understand cultures, way of life and other visions. To do this there are them, the “angels of travel”, and with no worries you will have your travel ready: the tickets, the stay, the tickets of museums and, i you want, guided tours.

As many good ideas also the one of the travel organization is an ancient idea, if you think that it was born from a young traveler you are wrong, to be honest the idea was of Thomas Cook, a British businessman that in XIX century planes the first organized travel: at the price of one schilling a train transported more than 500 persons between Leicester and Loughborough.

Once left the first footprint the experience went on with the son of Thomas, John Cook, and it has arrived until today thanks to those who keep to walk in the world of tourist planning, giving an opportunity to who want exploit their  organizational ability.

And so what are you waiting for? Run to prepare your suitcase and go to discover the world .. without worries.

 

Posted on February 21, 2014 .

Creative education, a modern fairy tale

 

“The creative function of immagination belongs to common man, to the scientist, to the technician; it is essential for scientific discoveries but also for the birth of artwork; it is even necessary condition for daily life... [...]”.

 

In this way Gianni Rodari defined creativity in “grammatica della fantasia” and he went on about fables and creations: “they are necessary to the complete man. If a society, based on myth of productivity (and on reality of profit), needs “half-men” – faithful executors, diligent reproducers, docile instruments without will – it means that the society is wrong and we have to change it. To change it  we need creative men that know to use their immagination. [...]”

This is creative education, an approach that values man and abilities.

An education that here in Italy was born from names as Don Milani, Gianni Rodari, Maria Montessori. The last one layed the foundations for a new educational method exported all over the world and she had among her pupils the founders of Google, Larry Page and Sergey Brin, Jeff Bezos creator of Amazon, Jimmy Wales creator of Wikipedia, Henry Ford, Katharine Graham, famous owner of Washington Post, famous businessmen who were educated to act and think in a different way. 

New scenery are opening in front of our eyes, we are in front of a society where proliferate  professions linked to creativity thanks to who had the courage to invest in his creative spirit.

This is the demonstration that when creativity tie to the business side it gives life to interesting form of  management, where action and creation interlace in a successful product, because “to be creative is not to think but to act creatively”.

Posted on February 21, 2014 .

Made in Italy, what a passion!!

Made in Italy, what a passion!!

The tradition of made in Italy is longue as the history of the place where it was born.

Colors,, flavors, sounds and shapes of Italy are emulate and exported all over the world with attempts to absorb the Italian style which seems to be timeless. 

Famous carmakers sell their products abroad and name of fashion design are so notorious that they don’t need introctions. Sometimes it happens that virtuous foreign companies decide to invest on Italy, a short time ago a very famous chain of fast food decided to crank out well-known sandwiches with a italic name.

It does not end here,  who can forget famous italian dresses as the one that Anita Ekberg wear in “la dolce vita” of Fellini, or the one that Gattinoni realized for Audrey Hepburn in “Guerra e pace”.

Definitions, criterions and laws which protect made in Italy are many but we like to think at it as a passionate story result of the talent of brave Italians and projects that were born in Italy.

Passioni belongs to whom produce by craftsmen original products on and on. But passion is also the one we can see in creations of successfull persons who never lose their enthusiasm.

If we speak about passion we have to mention the one of investors that, in love with made in Italy and with italian life style, help creativity and companies to increase.

Let’s continue to pay attention on made in Italy and on the surprises that it will hold...

Posted on February 21, 2014 .

Una risorsa veramente umana

Quando si pronuncia la parola “azienda” l’immagine comune è quella di un gruppo di impiegati ben vestiti che tra scrivanie perfettamente allineate ha a che fare con scartoffie e con il grigiore della città che fa da sfondo.

Team building.jpg

Non tutti però sanno che molte aziende hanno fatto del “team building” un valore aggiunto.

Per team building si intendono, nell’ambito delle risorse umane, una serie di attività finalizzate alla formazione di un gruppo e il significato di formazione è in questo caso ambivalente, da un lato implica la formazione culturale del gruppo e quindi vere e proprie attività formative, dall’altro l’aggregazione di persone che con queste esperienze hanno la sensazione di appartenere ad un team e ad un brand. È così che un impiegato, risorsa fondamentale all’interno di un’azienda, diventa una risorsa umana nel vero senso del termine, tramite esperienze che lo aiutino nella sua dimensione sociale e personale oltre che culturale così da contribuire, all’interno di un’azienda, ad una vera e propria intelligenza collettiva.

All’interno del team building rientrano a pieno titolo le “Dmc” ovvero le “destination management companies”, delle agenzie che si occupano dell’organizzazione di viaggi per privati o di turismo d’affari che diventano esperienze in cui lo scambio e l’interazione con gli altri diventa il punto cardine.

È così che un’azienda valorizza i suoi impiegati, così si realizza la responsabilità sociale d’impresa integrando le preoccupazioni etiche alla visione strategica, perché fare impresa sia motivo di unione e non solo di impegno lavorativo e perché le risorse umane lo siano davvero.


A cura di Martina Cesaroni

Gli angeli del viaggio

Se è vero che “le persone non fanno i viaggi, sono i viaggi a fare le persone” allora che ne dite di persone che fanno viaggi per altre persone?

Non è un indovinello architettato per  confondervi, si tratta più semplicemente di viaggi organizzati, talvolta brevi tour o scambi culturali, sempre più in voga sono infatti gli art tours, delle gite organizzate in città d’arte e con finalità culturali.

L’idea di fondo è quella di non impazzire di fronte a un computer per pianificare il proprio viaggio ma di sedersi sul divano, fare una chiamata o mandare una semplice e-mail e aderire ai tour che agenzie, enti pubblici o privati organizzano sapientemente.

Questo approccio si è rivelato perfetto per coloro che non hanno intenzione di spendere energie nell’organizzazione ma vogliono tenerle da parte per il proprio viaggio, ma è l’ideale anche per persone anziane che non hanno strumenti per potersi organizzare al meglio.

Così viaggiare non è più appannaggio di pochi ma diventa il modo migliore per chiunque di conoscere e capire culture, mondi e vedute altre. Per far questo ci sono loro, gli “angeli del viaggio”, e senza alcuna preoccupazione avrete già tutto sistemato, dai biglietti per il mezzo di trasporto, all’alloggio, all’ingresso in musei e qualora voleste anche visite guidate.

Come tante buone idee anche quella dell’organizzazione dei viaggio è un’idea antica, se pensate che l’idea sia venuta ad un giovane viaggiatore con lo zaino in spalla vi sbagliate, a dirla tutta l’idea è stata di Thomas Cook, imprenditore inglese che nel XIX secolo pianificò il primo viaggio organizzato: al prezzo di uno scellino un treno trasportò oltre 500 persone tra Leicester e Loughborough.

Lanciata la prima impronta il cammino proseguì con il figlio di Thomas, John Cook, ed è arrivato fino ad oggi grazie a chi continua a camminare nel mondo della progettazione turistica dando l’opportunità a chi vuole di sfruttare la loro capacità organizzativa.

E allora cosa aspettate? Correte a preparare la valigia e andate a scoprire il mondo, senza pensieri.

  

A cura di Martina Cesaroni

Posted on January 28, 2014 .

Educazione creativa, una fiaba moderna

La funzione creatrice dell'immaginazione appartiene all'uomo comune, allo scienziato, al tecnico; è essenziale alle scoperte scientifiche come alla nascita dell'opera d'arte; è addirittura condizione necessaria alla vita quotidiana... [...]”.

Creative.jpg

Così Gianni Rodari definiva la creatività in “grammatica della fantasia” e proseguiva a proposito delle fiabe e delle creazioni “servono all'uomo completo. Se una società basata sul mito della produttività (e sulla realtà del profitto) ha bisogno di uomini a metà – fedeli esecutori, diligenti riproduttori, docili strumenti senza volontà – vuol dire che è fatta male e che bisogna cambiarla. Per cambiarla, occorrono uomini creativi, che sappiano usare la loro immaginazione. [...]”

Questa è l’educazione creativa, un approccio che valorizzi l’uomo e le sue capacità.

Un’educazione che qui in Italia ha messo le sue radici a partire da nomi come Don Milani, Gianni Rodari, Maria Montessori. Quest’ultima ha posto le basi per un metodo educativo esportato in tutto il mondo e che ha avuto tra i tanti allievi i fondatori di Google, Larry Page e Sergey Brin, Jeff Bezos ideatore di Amazon, Jimmy Wales creatore di Wikipedia, Henry Ford, Katharine Graham, famosa proprietaria del Washington Post, imprenditori di fama mondiale che sono stati educati ad agire e pensare in maniera differente.

Nuovi scenari si stanno aprendo di fronte ai nostri occhi, siamo davanti ad una società in cui proliferano i mestieri legati alla creatività grazie al coraggio di chi ha saputo cambiare rotta e investire sul proprio spirito creativo.

È questa la dimostrazione che quando la creatività si lega al lato imprenditoriale da vita a interessanti forme di management in cui azione e creazione si intrecciano in un prodotto di successo perché “to be creative is not to think but to act creatively”.

  

A cura di Martina Cesaroni

Made in Italy che passione!!

La tradizione del made in Italy è lunga quasi come la storia del paese in cui nasce.

I  colori, i sapori, i suoni e le forme dell’italianità sono ripresi ed esportati in tutto il mondo con tentativi di assorbimento di quello stile italiano che pare intramontabile.

Note case automobilistiche vendono i loro prodotti all’estero continuamente e nomi della moda sono così noti da non aver bisogno di presentazioni. Talvolta accade che virtuose aziende estere decidano di investire sull’italianità, è di poco fa la notizia della decisione da parte di una famosissima catena di fast food di “sfornare” celebri panini dal nome italico.

Non finisce qui , l’abito non fa il monaco ma se non è una tunica è meglio e di certo non erano tuniche l’abito indossato da Anita Ekberg ne “la dolce vita” di Fellini, altro prodotto italico doc, o quello pensato da Gattinoni per Audrey Hepburn in “Guerra e pace”.

Le definizioni, i criteri e le leggi che tutelano il made in Italy sono molte ma a noi piace intenderlo come una storia appassionata frutto dell’ingegno di italiani coraggiosi e di progetti che partono dal bel Paese.

La passione è quella di chi produce artigianalmente e senza sosta prodotti ricercati e senza eguali ma la passione è anche quella che si vede in creazioni di nomi affermati che non hanno mai perso l’entusiasmo. E se parliamo di passione non possiamo non menzionale quella degli investitori che, innamorati del made in Italy e del life style italiano, fanno crescere aziende e creatività.

Continuiamo allora a non distogliere l’attenzione dal made in Italy e dalle sorprese che ci riserverà...

A cura di Martina Cesaroni

Posted on January 28, 2014 .

La creatività è uno stato d'animo

Time to create.jpg

Che cosa sarebbe successo se Colombo, stanco del viaggio, fosse tornato indietro?
E chi avrebbe raccontato il meraviglioso mondo della Divina commedia se Dante avesse abbandonato il suo progetto?
E se Leonardo, Botticelli o Michelangelo, annoiati di passare da una bottega all’altra, avessero smesso di creare?
Fortunatamente non abbiamo risposte a queste domande grazie a questi appassionati italiani che hanno portato a termine i loro progetti unendo la creatività al loro talento senza darsi per vinti.
La loro creatività ha segnato la storia, e la vostra? 
Condizione importante per capirlo è quella di venire qui in Italia, a Firenze per la precisione, tra i vicoli di Dante e Brunelleschi, a respirare la storia, gli ambienti e la cultura della culla del Rinascimento e punto di partenza della lingua italiana, per avvicinarsi ad uno stile unico e diffuso in tutto il mondo.
Sulla scia di poeti, artisti e uomini di scienza dell’antichità l’Italia non si è mai fermata, con un occhio rivolto al passato, l’altro al futuro e la mente sempre impegnata nel presente. È così che alcuni vecchi nomi riecheggiano tutt’oggi e nuovi nomi si affermano continuamente tra grandi della moda, della musica e dell’arte in tutte le sue declinazioni.
La creatività non è però un concetto elitario, la creatività è di tutti e per tutti, la creatività è uno stato d’animo e ogni luogo, ogni cultura, ogni sguardo nuovo contribuisce a generarla.
Dobbiamo lasciarla parlare la creatività e liberarsi da ogni limite mentale o geografico, apriamo la mente, allacciamo le scarpe e cominciamo questo percorso creativo.


A cura di Martina Cesaroni

Posted on January 28, 2014 .