Gli angeli del viaggio

Se è vero che “le persone non fanno i viaggi, sono i viaggi a fare le persone” allora che ne dite di persone che fanno viaggi per altre persone?

Non è un indovinello architettato per  confondervi, si tratta più semplicemente di viaggi organizzati, talvolta brevi tour o scambi culturali, sempre più in voga sono infatti gli art tours, delle gite organizzate in città d’arte e con finalità culturali.

L’idea di fondo è quella di non impazzire di fronte a un computer per pianificare il proprio viaggio ma di sedersi sul divano, fare una chiamata o mandare una semplice e-mail e aderire ai tour che agenzie, enti pubblici o privati organizzano sapientemente.

Questo approccio si è rivelato perfetto per coloro che non hanno intenzione di spendere energie nell’organizzazione ma vogliono tenerle da parte per il proprio viaggio, ma è l’ideale anche per persone anziane che non hanno strumenti per potersi organizzare al meglio.

Così viaggiare non è più appannaggio di pochi ma diventa il modo migliore per chiunque di conoscere e capire culture, mondi e vedute altre. Per far questo ci sono loro, gli “angeli del viaggio”, e senza alcuna preoccupazione avrete già tutto sistemato, dai biglietti per il mezzo di trasporto, all’alloggio, all’ingresso in musei e qualora voleste anche visite guidate.

Come tante buone idee anche quella dell’organizzazione dei viaggio è un’idea antica, se pensate che l’idea sia venuta ad un giovane viaggiatore con lo zaino in spalla vi sbagliate, a dirla tutta l’idea è stata di Thomas Cook, imprenditore inglese che nel XIX secolo pianificò il primo viaggio organizzato: al prezzo di uno scellino un treno trasportò oltre 500 persone tra Leicester e Loughborough.

Lanciata la prima impronta il cammino proseguì con il figlio di Thomas, John Cook, ed è arrivato fino ad oggi grazie a chi continua a camminare nel mondo della progettazione turistica dando l’opportunità a chi vuole di sfruttare la loro capacità organizzativa.

E allora cosa aspettate? Correte a preparare la valigia e andate a scoprire il mondo, senza pensieri.

  

A cura di Martina Cesaroni

Posted on January 28, 2014 .